larissa soffientini

Articoli dell'autore

La terra di nessuno

L’ingerenza aperta e non contrastata di Russia e Turchia in Libia conferma, se ce ne fosse bisogno, la previsione contenuta nel lavoro del 2013 di Charles Kupchan, docente di Relazioni internazionali alla Georgetown University, intitolato Nessuno controlla il mondo. Kupchan scrive che il secolo che stiamo vivendo non apparterrà a nessuno. Non sarà degli Stati …

Continua a leggere

Il 2019 che se ne va

Il 2019 che scivola via non sarà ricordato di certo per i traguardi raggiunti in materia di politica internazionale. Anche se il bilancio, come sempre, presenta chiaroscuri. Con la fine della parte più drammatica del conflitto siriano si è riacceso lo scontro decennale tra turchi e curdi, e diverse forze jihadiste, che sulla carta sarebbero …

Continua a leggere

Un Nobel alla sbarra

Per la prima volta un premio Nobel per la Pace è dovuto comparire davanti alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia. Il triste primato è toccato ad Aung San Suu Kyi, simbolo della lotta per la democrazia in Myanmar, a lungo vittima della dittatura militare e poi leader del movimento tuttora al potere nel Paese asiatico. …

Continua a leggere

Il commercio equo e solidale da ripensare

Un paio di mesi fa il quotidiano inglese «The Guardian» pubblicava un approfondito reportage di Samanth Subramanian per rispondere alla domanda: l’equo e solidale esiste ancora? Il giornale prendeva spunto dalla fiducia calante dei consumatori nei confronti del marchio FairTrade, a lungo quasi monopolista della distribuzione dei prodotti dichiaratamente rispettosi dell’ambiente e soprattutto dei diritti …

Continua a leggere

Un concerto interrotto

Nel rumore mediatico generato dai mille conflitti sociali o bellici in corso, si è persa una notizia incoraggiante. È l’ennesima dimostrazione dell’importanza e dell’efficacia delle politiche multilaterali, cioè eseguite di comune accordo da un grande insieme di Paesi. La notizia è che tra il 2008 e il 2018, secondo uno studio dell’OCSE, sono diminuiti del …

Continua a leggere

L’orso in Africa

Da anni ormai si scrive e si discute sulla presenza cinese in Africa. Un continente nel quale Pechino ha individuato non soltanto un produttore di materie prime strategiche, ma anche un mercato quasi vergine. Ed è proprio questa l’importante novità: oltre a estrarre e importare minerali, petrolio e prodotti agricoli, la Cina ha effettuato grossi …

Continua a leggere

L’odierno Risiko

Il Risiko è un gioco di società nato in Francia nel 1957 e arrivato in Italia undici anni dopo. Il suo nome originale era “La conquista del mondo”, e proprio di quello si tratta: conquistare una serie di territori raggruppati in modo casuale. Nel Risiko non conta la potenza economica – e nemmeno le alleanze, …

Continua a leggere

Un’Argentina in crisi verso le elezioni

Quando il liberale Mauricio Macri vinse a sorpresa le presidenziali del 2015 contro il peronista Daniel Scioli, la situazione economica dell’Argentina non era certo florida. L’inflazione toccava il 30% annuo, un terzo dei cittadini viveva in povertà ed era stato introdotto un rapporto falsato tra il peso e il dollaro USA. L’economia era ferma per …

Continua a leggere

Il triste destino delle nazioni senza Stato

Il cambiamento di alleanze nello scenario siriano ha stupito molti, ma in realtà segue una sua perversa logica. Gli Stati Uniti, almeno a parole, avrebbero scaricato gli alleati curdi siriani dandoli in pasto alla Turchia di Erdoğan, che è pronta a spazzarli via dalla zona di confine, occupando anche una fascia di territorio siriano a …

Continua a leggere

Un continente in movimento

Il nuovo governo messicano sta affrontando una situazione senza precedenti: per la prima volta nella sua storia, da Paese di emigrazione o di passaggio, il Messico sta diventando meta finale di consistenti flussi migratori. Ciò accade non soltanto perché negli ultimi anni è diventato più difficile entrare negli Stati Uniti, e dunque i migranti cercano …

Continua a leggere

Carica altro