Home

Il virus contro i diritti

Ai danni noti causati dalla pandemia, innanzitutto quello misurabile in milioni di vite umane e il colpo durissimo inferto all’economia mondiale, bisogna aggiungerne almeno altri due: il peggioramento della democrazia e l’aumento dei casi di violazione dei diritti umani. Sono appena stati pubblicati alcuni report, preziosi strumenti per fare il punto sulla situazione del mondo nel 2020. L’Ong statunitense Freedom House, nello studio Democracy Under Lockdown, ha documentato peggioramenti nella qualità della democrazia in 80 Paesi e miglioramenti soltanto in uno. Le cause sono note, anche se finora poco discusse. Dall’avanzata del potere esecutivo ai danni di quello giudiziario, come accaduto in Polonia e Ungheria, ai tentativi di delegittimare il potere legislativo e di limitare l’accesso dei cittadini al voto, come negli USA di Trump, fino ai colpi di Stato veri e propri, come in Myanmar. Se la democrazia soffre, ovviamente i cittadini ne pagano le conseguenze.

La guerra dei vaccini

Come facilmente prevedibile, in mancanza di cooperazione internazionale sulla prevenzione come sulla risposta alla diffusione del Covid-19, è scoppiata la “guerra dei vaccini”. Le case farmaceutiche e gli Stati che producono vaccini sono i giocatori di una inedita “geopolitica vaccinale” che si è determinata in pochi mesi.

LEGGI

La morale della Brexit

Per il Regno Unito, il bilancio del primo mese da Paese extracomunitario è stato nero. Contrariamente a quanto si diceva nel 2015, ai tempi della campagna referendaria che portò al voto favorevole all’uscita dall’UE, sono crollate le esportazioni verso gli Stati comunitari, -40,7% in media, con punte del -63% nel settore alimentare. Nel frattempo è …

LEGGI

Il logoramento della democrazia

L’ennesimo colpo di scena nella vicenda giudiziaria dell’ex presidente brasiliano Inácio Lula da Silva riapre le polemiche sulla difficile convivenza tra i poteri in America Latina. La separazione e l’autonomia dei poteri esecutivo, legislativo e giudiziario, in un sistema presidenziale, richiedono un grande sforzo laddove ci sono forti tradizioni populiste. Nella mentalità di molti presidenti …

LEGGI

La rinascita del WTO?

Quando, il primo gennaio 1995, sulle rive svizzere del lago di Ginevra si inaugurò la sede dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, meglio nota con la sigla inglese WTO, al centro della politica mondiale c’era il fenomeno della “globalizzazione dei mercati”. Il WTO nasceva da un dibattito cominciato nel 1986 con l’Uruguay Round, finalizzato a stabilire regole …

LEGGI