La fine annunciata del TTIP

I primi sono stati Manuel Valls e François Hollande lo scorso giugno, quando hanno dichiarato che, in assenza di modifiche significative, la Francia non avrebbe firmato il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership) perché l’accordo non tutela l’agricoltura né la cultura nazionale. Poi è arrivato il voto a favore della Brexit nel Regno Unito, il Paese che è sempre stato il più convinto sponsor europeo dell’accordo con gli USA. Ma il vero de profundis è stato ora intonato dal leader socialdemocratico tedesco, nonché vice di Angela Merkel, Sigmar Gabriel: il quale ha affermato senza giri di parole che la trattativa USA-UE è su un binario morto, anche se sicuramente rimarrà “in vita” a livello formale. Un trucco utile solo a non riconoscerne il fallimento: in pratica, si riproporrà la stessa soluzione inventata dal WTO per mantenere artificialmente in vita il Doha Round su agricoltura e servizi dall’ormai lontano 2003. Dall’altra parte dell’Atlantico il TTIP è forse ancora meno voluto. Sicuramente non lo amano Donald Trump e Bernie Sanders, e ultimamente pare interessare sempre meno anche a Hillary Clinton. Ma perché questo negoziato, che sarebbe stato il più importante nella storia del commercio internazionale, ora viene insabbiato?  

La prima e scontata risposta è che, trattandosi di un’intesa tra due colossi, nessuno dei due protagonisti è riuscito a prevalere sull’altro durante il negoziato. In buona sostanza, solitamente gli USA o l’UE, quando discutono trattati internazionali, lo fanno da una posizione di forza e sempre con un saldo attivo a loro favore. Per gli USA, il TTIP costituisce il primo caso di negoziazione di un accordo con un gruppo di Paesi che sono economicamente, tecnologicamente e demograficamente alla pari, e in alcuni settori addirittura più forti. Per l’Europa, si tratta della prima volta in cui si mettono seriamente in discussione 40 anni di regolamentazione del mercato interno e la stessa logica della coesione comunitaria così faticosamente costruita.

LEGGI





Ultimo numero